T.O.E. Art Market supports artists and galleries all over the world. Discover the artworks

Directions in Painting Now and Then - T.O.E. Art Market

T.O.E. Art Market, the new online marketplace to buy and sell art, find the original paintings, fine art photographs, and drawings such as a museum of modern art and contemporary art. T.O.E. Art Market will allow you to enter directly into the modern art and contemporary art market through a vast worldwide network of Artists, Buyers, Art Lovers, Art Advisors, Art Dealers, and Galleries. T.O.E Art Market is the best place to see artworks and art for sale online.

Original Art for sale | NEW CREAM

“Directions in Painting Now and Then” curated by Kiki Mazzucchelli
Directions in Painting Now and Then
This collection brings together contemporary and historical works featuring a variety of different approaches to the medium of painting. While browsing the galleries' presentations for the Lucca Art Fair, what drew my attention was the great number of emerging artists who embrace painting as their medium of choice. Although one could argue that painting is a naturally well-suited medium for online presentations - as it is more 'image-friendly' than sculpture or installation, for instance -, I believe that there are other reasons behind this phenomenon. Painting - and, most recently. figurative painting in particular - seems have been enjoying a revival over the past few years, not only in terms of greater exposure in some the world's leading museums and galleries but also as the preferred means of expression of a younger generation of artists. One possible explanation for this rising trend is historical distance. It is plausible that artists today feel less burdened by the past achievements of their peers, especially if we consider that now there is roughly a 100-year gap between the avant-gardes of the 20th century and the emerging generation making art today. By including works from different periods and styles, my idea is to show how the medium of painting is constantly reinvented throughout generations, having reached renewed vigour in present days. Hence my choice not to establish any overarching thematic, historical or conceptual threads. Instead, this collection proposes a playful approach to looking at painting today and intends to highlight some loose connections and correspondences between painters from different generations. Apart from a few renowned names such as Alberto Burri and Bruno Munari, most of the artists I picked were unknown to me. Still, I was surprised to come across this silkscreen print by Burri dating from the 1970s in which he uses such a vibrant colour palette and organic geometry - to me, they are very evocative of the work of some contemporary artists from Latin America like Federico Herrero or even Beatriz Milhazes. The limited editions by Munari also feel extraordinarily contemporary - I think of them as paintings in the expanded field. 'Tavola tattile' (1998), in particular, seems to occupy a in-between space between sculpture and painting at the same time as it brings a sense of playfulness that is quite unique. In my view, Munari’s works resonate with Silvia Inselvini’s wall-based works made with textiles and Daniel Krysta’s seemingly three-dimensional paintings; both of which bring a tactile quality to painting using very distinct methods and approaches. There is an interesting correspondence between the simplified figures rendered with quick gestures in the paintings by Tano Festa and Thomas Berra. While Festa uses a more vibrant, pop palette to depict a the famous literary character, Berra employs complementary colours to create a scene that remains ambiguous and open to interpretation. Another young figurative painter whose work seem to resonate with this group is Alek Slon, whose distorted depiction of characters in an airport lounge brings a certain feeling of warmth and humanity to a space normally represented as impersonal and cold. I can also identify some intriguing loose connections between the collages and wall reliefs (or sculptures) by Enrico Baj and the paintings by Manuel Esnoz. Besides the fact that both artists incorporate elements other than paint to the surface of their work (glitter and gold flake, in the case of Esnoz; textile and what seem to be cardboard or plastic cutouts in the case of Baj), there is a striking parallel between Baj’s ‘Portrait de Iris Clert’ (1960) and Esnoz’s ‘Aliens Facing Otherness of Bird’ (2020) in terms of how the pictorial elements are scattered in the composition, occupying the whole pictorial space to create an image which brings together abstract and figurative elements simultaneously. In the works of Florence Solvay and Dragana B. Stevanovic we find a contemporary take on more expressionistic tendencies; while artists such as Goran Dragas and Camilla Alberti are featured with works which play with surrealist tropes. To these I add María Luisa Beneytez’ painting California Dreamin’ n.5, which remind me of the metaphysical spaces of De Chirico with a pop twist. The free and playful appropriation of stylistic elements pioneered by the avant-garde movements from the 20th century seems to be a shared interest among young artists today. Finally, I see a wonderful correspondence between Grazia Giovannetti’s precisely geometric Modulo and Barbara Prenka’s meticulously executed Dimostrazione di una stimma di somme, which brings an organic and bodily quality to geometric abstraction through the slight variations in the colours and forms of the semicircular shapes repeated across the surface of the canvas.

Questa collezione riunisce opere contemporanee e storiche che presentano una varietà di approcci diversi al mezzo della pittura. Mentre scorrevo le presentazioni delle gallerie per Lucca Art Fair, ciò che ha attirato la mia attenzione è stato il gran numero di artisti emergenti che abbracciano la pittura come loro mezzo di scelta. Anche se si potrebbe sostenere che la pittura è un mezzo naturalmente adatto alle presentazioni online - in quanto è più 'image-friendly' della scultura o dell'installazione, per esempio -, credo che ci siano altre ragioni dietro questo fenomeno. La pittura - e, più recentemente, la pittura figurativa in particolare - sembra aver goduto di una rinascita negli ultimi anni, non solo in termini di maggiore esposizione in alcuni dei principali musei e gallerie del mondo, ma anche come mezzo di espressione preferito di una giovane generazione di artisti. Una possibile spiegazione di questa tendenza crescente è la distanza storica. È plausibile che gli artisti di oggi si sentano meno oppressi dalle conquiste passate dei loro pari, specialmente se consideriamo che ora c'è un gap di circa 100 anni tra le avanguardie del XX secolo e la generazione emergente che fa arte oggi. Includendo opere di diversi periodi e stili, la mia idea è quella di mostrare come il mezzo della pittura sia costantemente reinventato attraverso le generazioni, avendo raggiunto un rinnovato vigore nei giorni nostri. Da qui la mia scelta di non stabilire alcun filo conduttore tematico, storico o concettuale. Invece, questa collezione propone un approccio giocoso per guardare la pittura oggi e intende evidenziare alcune connessioni e corrispondenze tra pittori di diverse generazioni. A parte alcuni nomi famosi come Alberto Burri e Bruno Munari, la maggior parte degli artisti che ho scelto mi erano sconosciuti. Eppure, sono rimasto sorpreso di imbattermi in questa serigrafia di Burri risalente agli anni '70 in cui usa una tavolozza di colori così vibrante e una geometria organica - per me, sono molto evocativi del lavoro di alcuni artisti contemporanei dell'America Latina come Federico Herrero o anche Beatriz Milhazes. Anche le edizioni limitate di Munari si sentono straordinariamente contemporanee - penso a loro come a dipinti in campo espanso. Tavola tattile (1998), in particolare, sembra occupare uno spazio intermedio tra scultura e pittura e allo stesso tempo porta un senso di giocosità che è abbastanza unico. Dal mio punto di vista, le opere di Munari risuonano con le opere murali di Silvia Inselvini fatte con tessuti e i dipinti apparentemente tridimensionali di Daniel Krysta; entrambi portano una qualità tattile alla pittura usando metodi e approcci molto diversi. C'è un'interessante corrispondenza tra le figure semplificate rese con gesti rapidi nei dipinti di Tano Festa e Thomas Berra. Mentre Festa usa una tavolozza più vibrante e pop per rappresentare un famoso personaggio letterario, Berra impiega colori complementari per creare una scena che rimane ambigua e aperta all'interpretazione. Un altro giovane pittore figurativo il cui lavoro sembra risuonare con questo gruppo è Alek Slon, la cui rappresentazione distorta di personaggi in una sala dell'aeroporto porta una certa sensazione di calore e umanità a uno spazio normalmente rappresentato come impersonale e freddo. Posso anche identificare alcune intriganti connessioni tra i collage e i rilievi murali (o sculture) di Enrico Baj e i dipinti di Manuel Esnoz. Oltre al fatto che entrambi gli artisti incorporano elementi diversi dalla pittura alla superficie del loro lavoro (glitter e scaglie d'oro, nel caso di Esnoz; tessile e quelli che sembrano ritagli di cartone o plastica nel caso di Baj), c'è un sorprendente parallelo tra il "Portrait de Iris Clert" (1960) di Baj e "Aliens Facing Otherness of Bird" (2020) di Esnoz in termini di come gli elementi pittorici sono sparsi nella composizione, occupando l'intero spazio pittorico per creare un'immagine che riunisce contemporaneamente elementi astratti e figurativi. Nelle opere di Florence Solvay e Dragana B. Stevanovic troviamo una ripresa contemporanea di tendenze più espressioniste; mentre artisti come Goran Dragas e Camilla Alberti sono presenti con opere che giocano con tropi surrealisti. A questi aggiungo il quadro California Dreamin' n.5 di María Luisa Beneytez, che mi ricorda gli spazi metafisici di De Chirico con un tocco pop. L'appropriazione libera e giocosa di elementi stilistici pionieristici delle avanguardie del XX secolo sembra essere un interesse condiviso dai giovani artisti di oggi. Infine, vedo una meravigliosa corrispondenza tra il preciso geometrico Modulo di Grazia Giovannetti e la meticolosamente eseguita Dimostrazione di una stimma di somme di Barbara Prenka, che porta una qualità organica e corporea all'astrazione geometrica attraverso le leggere variazioni nei colori e nelle forme delle forme semicircolari ripetute sulla superficie della tela.
Views: 2464

Share

The collection’s works