T.O.E. Art Market supports artists and galleries all over the world. Discover the artworks

PoliArt Contemporary - T.O.E. Art Market

T.O.E. Art Market, the new online marketplace to buy and sell art, find the original paintings, fine art photographs, and drawings such as a museum of modern art and contemporary art. T.O.E. Art Market will allow you to enter directly into the modern art and contemporary art market through a vast worldwide network of Artists, Buyers, Art Lovers, Art Advisors, Art Dealers, and Galleries. T.O.E Art Market is the best place to see artworks and art for sale online.

Original Art for sale | Gallery

PoliArt Contemporary


MILANO, Italy
VIALE GRAN SASSO 35

Views: 533

Share

About the gallery
BOLOGNA
Nasce a Bologna nel 1997, con l'intento di creare una connessione tra il mondo della produzione industriale e l'arte contemporanea. L'obiettivo era di fare entrare le opere d'arte all'interno delle aziende, mettendole a contatto con i lavoratori durante tutto il processo di costruzione e commercializzazione degli oggetti utili: dalla progettazione, alla produzione, al marketing, alla vendita.

Contrari all' "ora d'aria artistica", eravamo convinti della possibilità di travasare indirettamente, attraverso il veicolo degli oggetti utili, quella sensibilità "rara" che caratterizza l'opera d'arte (la democratizzazione estetica attraverso il consumismo) oltre a mettere in contatto diretto le opere con le persone, nelle lunghe giornate di lavoro.

Per questo la PoliArt ha organizzato allestimenti ed eventi (anche musicali) all'interno di numerose aziende, come il Gruppo Aworth, o la Rosler Italiana, la Castelli, la BNP Paribas o il Credit Suisse. Del 1999-2000 è l'evento musicale e artistico "L'Arte in Azienda" a cura di Leonardo Conti, presso le sale espositive e l'auditorium dello stabilimento della Castelli, in occasione di Bologna 2000 Città europea della Cultura, con artisti come Picasso, Arman, Scanavino, Botero, Schifano e Celiberti e solisti del pianismo internazionale come Boris Petrushansky, Roberto Cominati e Alberto Nosè.

MILANO
Nel 2003 la PoliArt si è spostata a Milano, da un lato continuando la sua attività con le aziende e dall'altro cercando di rivalutare poetiche e artisti tralasciati dalle distrazioni della storia e sostenendo giovani artisti emergenti.

Si potrebbe dire che la finalità è sempre stata quella di costruire un'attività curatoriale autofinanziata e indipendente: contro la trasformazione delle opere in titoli di borsa, contro l'ambizione (anche di troppi artisti, anche di troppi critici), contro quelle riviste e quei giornali che scrivono solo dei potenti e di chi paga (non pagando chi scrive), contro il "quanto ha fatto?" delle case d'asta che soffocano gli artisti giovani.

Per fare questo la PoliArt ha dovuto, nel corso di più di vent'anni, storicizzarsi, per acquisire l'autorevolezza necessaria. Sono state organizzate anche numerose mostre di maestri affermati come Afro, Vedova, Turcato, Santomaso, Guidi, Morandis, Veronesi, Lindstrom, Bonalumi. La PoliArt è stata tra le prime gallerie italiane ad avere rivalutato l'arte cinetica e programmata internazionale dopo gli anni 2000, con mostre di Alberto Biasi, Julio Le Parc, Horacio Garcia Rossi e Francisco Sobrino. Negli stessi anni è cominciata la collaborazione con i musei (ad oggi circa 30 in tutta Europa). Dal 2003 ad oggi sono stati prodotti o co-prodotti circa 50 libri e cataloghi, oltre a circa 60 CD musicali (con musiche di Paola Samoggia), 2 video e 1 film, dedicati agli artisti.

POLIART TEMPORARY
Nel 2013 è stata aperta la sede diffusa della PoliArt Contemporary Rovereto per intensificare l'attività espositiva in un territorio tradizionalmente sensibile all'arte contemporanea.

MISSIONE
La PoliArt Contemporary cerca di avviarsi e di avviare alla pratica dell'arte: non si pone limiti formali (pittura, scultura, oggetto, video, fotografia, installazioni...) e cerca di creare quei luoghi, quei tempi e quegli eventi, in cui le opere d'arte divengono concetti visibili, per costruire modelli di esistenza.