T.O.E. Art Market supports artists and galleries all over the world. Discover the artworks

Power collection. La collezione col turbo - T.O.E. Art Market

T.O.E. Art Market, the new online marketplace to buy and sell art, find the original paintings, fine art photographs, and drawings such as a museum of modern art and contemporary art. T.O.E. Art Market will allow you to enter directly into the modern art and contemporary art market through a vast worldwide network of Artists, Buyers, Art Lovers, Art Advisors, Art Dealers, and Galleries. T.O.E Art Market is the best place to see artworks and art for sale online.

Original Art for sale | NEW CREAM

“Power collection. La collezione col turbo” curated by Francesca Baboni
Power collection. La collezione col turbo
La collezione che ho scelto di costruire ha la carica energetica di una ripartenza senza esitazioni, vuole essere una scossa elettrica che intende accendere il desiderio di ricominciare una nuova stagione espositiva con un'attenzione verso opere di livello qualitativamente superiore. Dopo un anno e mezzo di fermo, anche l'arte ha deciso di prendersi la sua rivincita sensoriale pur spostandosi in ambito digitale. Proprio per questo il titolo "Power collection" vuole indicare una ripresa di energia collettiva e ha essenzialmente il colore come filo conduttore delle opere selezionate, dai cromatismi più accesi ai giochi raffinati di controluce in bianco e nero. Con piacere ho ritrovato all'interno delle proposte delle gallerie, molto eterogenee ma tutte di livello eccellente, in particolare tra gli emergenti, artisti che hanno partecipato al premio Combat Prize o con i quali ho lavorato nel corso degli anni, un segno che la strada intrapresa è sicuramente vincente. Ho suddiviso pertanto la mia collezione tra emergenti e storicizzati, ritrovando anche affinità e rimandi tra gli uni e gli altri, una sorta di fil rouge che li lega indissolubilmente. Per quanto riguarda i contemporanei più giovani, un filone della mia collezione è sicuramente quello pop che strizza l'occhio alla street art, nel quale alla rielaborazione in chiave irriverente di opere antiche si affianca una riflessione su quanto il mainstream incida sulla contemporaneità e che ritrova i suoi precedessori nei manifesti strappati di Rotella, nelle pin up luminose di Marco Lodola o nell'irriverenza popolare di Andy Warhol. Un altro filone è quello di una pittura decisa e potente, a tratti iperrealista, che ragiona su tematiche sociali e intimiste in cui ritroviamo accenni letterari e cinematografici o che si sfalda in un astrattismo gestuale d'impatto e che di rimando si specchia nella carica emozionale di Karel Appel, nel vivacismo cromatico di Paul Jenkins o nella pulizia formale di Alberto Burri. Anche la fotografia che ho selezionato parte da suggestioni legate alla contingenza. Approcci a mondi lontani ma che vanno a collidere col nostro, visioni di brani di piccola quotidianità, nei quali spesso si ritrova un'atmosfera malinconica e suggestiva di solitudine nella quale la figura umana rimane assente o diviene sfondo di una drammaticità intrinseca quanto reale. Non manca la scultura, per la quale ho scelto di percorrere una strada poco tradizionale, scegliendo chi parte dall'utilizzo non convenzionale della porcellana e della carta, all'interazione con la fotografia e l'elettroluminescenza, fino alla solidificazione di teatrini interiori. Un accenno a parte merita il disegno, sempre bistrattato rispetto alla tela ma in realtà portatore di nuovi scenari con una freschezza unica, che nelle mie scelte mescola la grafica alla grafite e che va a collegare mondi differenti, fino a confluire esteticamente nella sapienza della sintesi estrema del concetto spaziale di Lucio Fontana. -

The collection that I have chosen to construct has the energetic charge of a new unhesitant start; it aims to be an electric shock that ignites the desire to begin a new exhibition season by drawing attention to works of a qualitatively superior level. After a year and a half of lockdown, art has also decided to take its sensorial revenge albeit moving itself to the digital sphere. That is why the title "Power collection" is intended to indicate the recovery of a collective energy and essentially uses color as the leitmotif of the works selected, from the brightest chromatism to elegant backlit black and white play. With great pleasure I found within the proposals of the galleries, which were very disparate but all of an excellent level, particularly in terms of the emerging names, artists that have taken part in the Combat Prize or with whom I have worked over the last few years: a sign that the path we have taken is definitely a winning one. Therefore, I have divided my collection between up-and-coming and historicized names, also discovering affinities and references between the same, a kind of common theme which indissolubly links them. With regard to the younger contemporary artists, ‘pop’ is certainly one theme of my collection that gives a nod to ‘street art’, in which the irreverent reinterpretation of ancient works is flanked by a reflection on how much mainstream influences contemporaneity and rediscovers its predecessors in the torn posters of Rotella, in the luminous pin-ups of Marco Lodola or in the popular irreverence of Andy Warhol. Another theme is that of decisive and powerful paintings, at times hyper-realistic, focusing on social and intimist topics in which we find literary and cinematographic hints or that break up into a striking gestural abstractionism and as a reference are mirrored in the emotional charge of Karel Appel, in the chromatic vivacity of Paul Jenkins or in the formal cleanliness of Alberto Burri. Also, the photography I selected starts from suggestions linked to the current circumstances. Approaches to faraway worlds that are going to collide with our own, visions of clips of small everyday life in which we often find a melancholic and evocative atmosphere of solitude in which the human figure is absent or becomes the background of an intrinsic yet real drama. There is also sculpture, for which I have chosen to follow a non-traditional path, selecting artists that start from the unconventional use of porcelain and paper, to interactions with photography and electroluminescence, to the solidification of internal states of mind. Drawing deserves a separate mention, always mistreated compared to canvas but in reality the bearer of new scenarios with a unique freshness which, in my choices, mixes graphics with graphite going on to connect different worlds, until esthetically merging into the wisdom of the extreme synthesis of the spatial concept of Lucio Fontana.
Views: 1981

Share

The collection’s works