La Banalità del Male, Lucia Dell’Orto - T.O.E. Art Market
T.O.E. Art Market supports artists and galleries all over the world. Discover the artworks

La Banalità del Male, Lucia Dell’Orto - T.O.E. Art Market

T.O.E. Art Market, the new online marketplace to buy and sell art, find the original paintings, fine art photographs, and drawings such as a museum of modern art and contemporary art. T.O.E. Art Market will allow you to enter directly into the modern art and contemporary art market through a vast worldwide network of Artists, Buyers, Art Lovers, Art Advisors, Art Dealers, and Galleries. T.O.E Art Market is the best place to see artworks and art for sale online.

Original Art for sale | Sculpture

Lucia Dell'Orto
Italy

Views: 5

650 Add to cart



Shipped from Milano, Italy
Shipping costs: 40 € local, 60 € international



Packaged in cardboard box

Make an offer

La Banalità del Male
Tecnica mista su PMMA, Figures, Bossoli /2014
cm 30x16x6
Price 650 €
Share

L’arte di Lucia Dell’Orto incanta ed insieme disorienta. Per certi versi i suoi lavori potrebbero essere interpretati in modo abbastanza tradizionale, riconducendoli alla tecnica del collage basata su immagini e materiali trovati, dove frammenti di pezzi antichi e oggetti convivono in un contesto di innocente inquietudine. Questo legame tra antico e contemporaneo comporta la sutura di un tempo e uno spazio immaginari invasi da forze invisibili ma palpabili. Delicati segni e forme accentuano i livelli di gioco e mistero, che rappresentano la cifra del suo linguaggio. Tuttavia nei suoi lavori si cela anche qualcosa di assai meno convenzionale. C’è il senso di un significato più elevato, di una tensione drammatica che si ritrova attraverso questi lavori che devono cominciare ad essere lette come esplorazioni visive, che mettono a nudo il bisogno e il desiderio dell’artista di comunicare nel modo più efficace possibile un senso di ansia emergente. Da una parte i suoi lavori diventano una metafora del tempo e della memoria che affiancano le più moderne tecnologia in costante mutamento, dall'altra l’artista accosta gli oggetti in modo da intensificare la sensazione generale di ogni elemento, sfruttando una tensione creata dalla sensibilità con cui evoca un’atmosfera di vulnerabilità. Un elemento che colpisce in questi lavori è il consumato controllo delle linee, il significato apparentemente enfatizzato di quelle che si potrebbero definire le superfici feticizzate dei suoi oggetti e la reiterata invocazione di una ripetizione febbrile che viene annunciata per poi essere bruscamente ridimensionata. Nella sua discussione sul significato, il filosofo francese Henri Bergson descrive il punto essenziale in cui un livello di contraddittorietà e una certa misura di slancio vitale vengono portati in modi imprevisti alla nostra coscienza, spesso mettendo a confronto delle coppie di opposti, per esempio l’artificio meccanico (e una certa necessità stringente) contro il naturale e/o biologico (fluida ineluttabilità del caso). Così scrive Bergson: “...Vivendo in essa, vivendo per essa, non possiamo impedirci di trattarla [la società] come un essere vivente. Sarà dunque risibile l’immagine che ci suggerirà l’idea di una società che si maschera […]. Ora questa idea si forma non appena percepiamo qualcosa di inerte, di già pronto, o infine di confezionato, alla superficie della società vivente. È di nuovo la rigidità, che stride con l’agilità interiore della vita.” Questo passaggio esprime bene il quoziente di vitalità che attraversa il lavoro di Lucia Dell’Orto, capace di trattare con leggerezza e al tempo stesso efficacia i sentimenti di una società in evoluzione. All’interno di questo equilibrio tra tensioni, l’artista costruisce scene intime in cui percepiamo un’attenzione cosciente (con la sua enfasi su un’apertura a sviluppi futuri), con la quale indaga il rapporto tra l’individuo e l’universo. John Austin è un critico d’arte che vive a Manhattan. Traduzione di Teresa Albanese