Fitoplancton, Lorenzo Dalcò - T.O.E. Art Market
T.O.E. Art Market supports artists and galleries all over the world. Discover the artworks

Fitoplancton, Lorenzo Dalcò - T.O.E. Art Market

T.O.E. Art Market, the new online marketplace to buy and sell art, find the original paintings, fine art photographs, and drawings such as a museum of modern art and contemporary art. T.O.E. Art Market will allow you to enter directly into the modern art and contemporary art market through a vast worldwide network of Artists, Buyers, Art Lovers, Art Advisors, Art Dealers, and Galleries. T.O.E Art Market is the best place to see artworks and art for sale online.

Original Art for sale | Painting

Lorenzo Dalcò
Italy

Views: 83

2500 Add to cart



Shipped from Collecchio, Italy
Shipping costs:



Packaged in cardboard box

Make an offer

Fitoplancton
Smalti industriali su tavola intelaiata 2022
cm 240x120x3
Price 2500 €
Share

La pittura di Lorenzo Dalcò viene da un lungo lavoro sul paesaggio e di questa ricerca, non sempre rigorosa né coerente, ma ondivaga con riprese ed abbandoni altrettanto repentini, porta le tracce, sia nella passione per la città nel suo complesso, per la veduta, che si distende ampia e panoramica, per lo skyline che rompe cieli arrossati, avvampanti o freddi di intensità boreali. Da qui è partito Dalcò, ma il suo viaggio non si è certo fermato a queste atmosfere, a queste allusioni ad una natura che diventava sempre più pittura, sempre più materia cromatica, che si accendeva di bagliori, si incupiva dando vita a monocromi con variazioni di tono su tono, ad un complesso equilibrio instabile tra la visione dell’immagine della città, le sue luci, i suoi umori distillati da alchimista e la sua trasposizione su di una carta geografica, nella magia di una rappresentazione simbolica sospesa tra l’invenzione e l’evocazione della realtà. Rimando ad altro, spesso confondendo o meglio contaminando l’orizzonte con la veduta dall’alto, zenitale o a volo d’uccello, sulle quali, nelle ultime opere, viene sovrapponendo ponti che sono vere e proprie sculture sovrapposte, che evocano l’astrazione verso la quale sta muovendo, ma che ancora non ha il coraggio di affrontare apertamente, che svela il suo gusto per la tridimensionalità della materia. Il ponte lega, unisce, stabilisce contatti, indicano direzioni e costituiscono vie privilegiate e questo vogliono essere questi elementi unitari che dominano un indistinto naturale che evoca, allude, rimanda, dando ad esso in un certo senso una stabilità, nell’ovvia articolazione fantastica di struttura che il ponte, tanto più è ampio, aggettante sul vuoto, possiede. E’ un sorpassare, ma anche un contenere l’intera immagine, in un nascosto desiderio di sintesi. E’ in passaggio intermedio, che poterà Dalcò verso altri spazi, altre dimensioni. Marzio Dell’Acqua, presidente dell’Accademia Nazionale di Belle Arti di Parma