Lisa Stefani - T.O.E. Art Market
T.O.E. Art Market supports artists and galleries all over the world. Discover the artworks

Lisa Stefani - T.O.E. Art Market

T.O.E. Art Market, the new online marketplace to buy and sell art, find the original paintings, fine art photographs, and drawings such as a museum of modern art and contemporary art. T.O.E. Art Market will allow you to enter directly into the modern art and contemporary art market through a vast worldwide network of Artists, Buyers, Art Lovers, Art Advisors, Art Dealers, and Galleries. T.O.E Art Market is the best place to see artworks and art for sale online.

Original Art for sale | Artist

Lisa Stefani


Torino, Italy

Views: 58

Share

About the artist
Lisa Stefani é una pittrice nata a Vicenza nel 1991, vive e lavora a Torino. Le sue opere rappresentano scene di vita quotidiana, ritratti, stili di vita contemporanei, ma anche il potere e la cultura di massa. Attualmente dipinge soprattutto scorci di città radioattive, evocando degrado, periferie isolate, caos urbano: si vedono bidoni di rifiuti, tra cui si riconoscono scorie di apparecchiature elettroniche e oggetti vari: schermi, tubi, bulloni, ruote, ferraglia, bambole robotiche. Queste montagne di rifiuti si trovano negli angoli più bui delle città, dove in lontananza si può intravedere una strada su cui sfreccia un suv, o dei palazzi disabitati misteriosamente illuminati. Rappresenta soprattutto lo sfacelo contemporaneo: dalla sinistra bellezza dei rifiuti alla vita elettrica della metropoli, che sopravvive e rimane guizzante nei suoi scarti. Negli ultimi tempi si è affacciata anche alla street art, su muri, rigorosamente in declino, dipinge a spray e pennello. Nelle tele ad olio, le composizioni dai colori accesi, acidi, e ipersaturati, tendono a formare dei pattern astratti, in cui l'elemento del colore prevale sulla forma che si scioglie nella luce, che fluidifica i contorni, e compone gli oggetti in una paradossale armonia. In queste tele, il tratto fa posto al colore, alla piacevolezza compositiva di una tavolozza irreale e vitalissima. Ne emerge il canto del moderno declino, una possibile poesia, eccessiva e tossica, come un canto epico, abbacinato dalle rovine che il nostro stile di vita crea.